L’Ottocento e i primi del Novecento

Fonti municipali e parrocchiali indicano la presenza di musica di gruppo organizzata a Tesero fin dal secondo decennio dell’Ottocento. L’anno d’inizio della storia della banda è il 1817: il fondatore e primo maestro è tale Plattner da Nova Ponente. Risale a quegli anni la notizia di musicanti che suonano in chiesa e anche nelle feste popolari diretti dall’organista Michele Bozzetta, come testimonia un manoscritto conservato in archivio: “Scrissi io, Felice de Florian, l’anno 1818. Epoca in cui esisteva qui in Tesero Musica, il quale Maestro era Michele Bozzetta”. Questi “musici” e i loro successori danno poi vita a una Società Filarmonica comprendente la “musica a corda” e la “musica banda”. Negli anni ’60 del XIX secolo la Società cresce via via anche grazie all’organista Stefano Delmarco e al M° Valerio Deflorian (figlio di Felice). Nel 1877 viene stipulata una convenzione col Comune, nel 1878 compare la prima divisa, mentre il primo statuto della Società Banda Orchestra di Tesero, il cui organico è ormai di circa 40 elementi, è del 1886. Nel 1901 diviene direttore Erminio Deflorian (di Valerio), che manterrà l’incarico per oltre cinquant’anni, formando decine e decine di bandisti. Nel 1903 la Banda partecipa a Trento al I Concorso Bandistico Trentino in occasione delle Feste Vigiliane e nel 1905 saluta l’Imperatore Francesco Giuseppe I in visita a Mezzolombardo. L’intensa attività d’inizio secolo viene ben presto spenta dalla Grande Guerra, con la partenza di molti componenti per il fronte.

I successi tra le due guerre

I bandisti di Tesero ricominciano a suonare già nel marzo 1919 e nel 1920 possono finalmente festeggiare il Centenario di fondazione, non avendo potuto farlo prima causa gli eventi bellici. Nel 1929 la Banda ottiene un prestigioso 3° posto al II Concorso Nazionale Bandistico-Corale di Roma, diretto dal M° Pietro Mascagni, mentre nel 1933 tiene un concerto a Bolzano in Piazza Vittorio Emanuele III radiotrasmesso a livello nazionale dall’E.I.A.R. Questi successi fanno guadagnare alla Banda di Tesero il soprannome di “Strepitosa”. Nel 1937 prende avvio il Concertone delle Bande della Magnifica Comunità di Fiemme, che ancora oggi si svolge ogni anno a rotazione nei vari centri della valle. Durante la II Guerra Mondiale l’attività ufficiale viene sospesa a causa della chiamata alle armi di molti bandisti, ma prosegue coi giovani come Fanfara della G.I.L., per poi riprendere a pieno ritmo, a conflitto concluso, già nel maggio 1945.

Gli anni ’50 e ’60

Nei primi anni ’50 l’anziano M° Erminio passa la bacchetta al figlio Fiorenzo, ma nell’autunno 1954, a causa di incomprensioni tra i soci, la Banda attraversa una breve crisi, poi risolta con l’adozione di un nuovo statuto.
All’inizio del 1956 alcuni bandisti fuoriusciti formano la Banda “Santa Cecilia”, rimasta nella memoria locale come la “Banda dai ociài” e attiva fino al 1963.
Con il presidente Marcello Zanon nel 1967 la Banda Sociale viene intitolata al compianto M° Erminio (scomparso nel 1963), celebra il 150° anniversario e incarica il M° Carlo Deflorian come nuovo direttore. Nel 1968 la Banda di Tesero è di nuovo a Roma per sfilare alla 41ª Adunata Nazionale degli Alpini.

Gli anni ’70 e ’80

Gli anni ’70 e ’80 sono un periodo di costante crescita, grazie al rinnovamento nell’organico, nel repertorio e nei corsi di formazione degli allievi, all’entrata delle donne (1972) e a diverse trasferte in regione, in Italia e all’estero (Austria e Germania).
Nel 1973, alcuni giovani bandisti ricostituiscono il Bandìn de Tiézer, una böhmische (presente anche negli anni ’20-’30 e ’50-’60) con lo scopo di allietare sagre, mascherate e altri eventi dove è richiesto un intrattenimento senza scomodare la banda al completo.
Nel 1986 Marcello Zanon, dopo vent’anni, lascia la presidenza a Lauro Ventura. L’anno seguente la Banda suona a Milano, ricevendo dal Comune meneghino l’Ambrogino d’oro, mentre nel 1988 incide la sua prima musicassetta e ha l’onore di suonare per Papa Giovanni Paolo II venuto a Stava sui luoghi della catastrofe del 19 luglio 1985.

Dagli anni ’90 a oggi

Il 1992 è l’anno del 175° di fondazione, con pubblicazione di un libro sulla storia della banda e altre due musicassette, seguite da un CD nel 1999. Negli anni ’90 e nel primo decennio del nuovo secolo la Banda partecipa a memorabili trasferte in Sicilia, Puglia, Sardegna, Marche, Austria, a Malta e a Roma-Città del Vaticano (con esibizione davanti a Papa Benedetto XVI). A fine 2006-inizio 2007 si ha un doppio avvicendamento: il M° Carlo Deflorian e il presidente Lauro Ventura passano il testimone, rispettivamente, al M° Fabrizio Zanon e a Massimo Cristel. Negli anni seguenti la Banda di Tesero vive una nuova maturazione musicale, come attestano ad esempio la registrazione di un nuovo CD (2009), la partecipazione al 13° concorso “Flicorno d’Oro” di Riva del Garda in categoria libera (2011), l’esibizione al festival “I Suoni delle Dolomiti” con il Quintetto di Ottoni del Teatro alla Scala di Milano (2012), il grande Concerto di Pasqua 2013 assieme alla Banda Sociale di Cavalese e, nel 2016, il musical “Il tamburo ritrovato” sulle invasioni napoleoniche in Val di Fiemme (1796-1813) con relativo DVD. La Banda “E. Deflorian” dal 2016 è Associazione di Promozione Sociale e, forte di un organico di circa 65-70 componenti e 34 allievi, celebra in questo 2017 il proprio Bicentenario dalla fondazione con un calendario ricco di eventi e iniziative.

Sempre nel 2016 la Banda di Tesero, divenuta nel frattempo Associazione di Promozione Sociale e forte di un organico di circa 65-70 elementi, ha aperto ufficialmente i festeggiamenti del 200° anniversario di fondazione con un importante progetto: “Il Tamburo Ritrovato – Le invasioni napoleoniche e la Magnifica Comunità di Fiemme”, il primo musical per orchestra di fiati prodotto in Italia, con la musica del M° Luciano Feliciani, la regia di Michele Longo e la direzione del M° Zanon. Un’opera (riprodotta anche su DVD) il cui successo, oltre che nelle emozioni generate negli esecutori e nel pubblico, è testimoniato dai numeri: 200 artisti volontari coinvolti e ben 3.000 spettatori totali su 6 spettacoli live (comprese le repliche a Natale 2017-Capodanno 2018). Le celebrazioni del Bicentenario sono poi entrate nel vivo nel 2017 con un ricco calendario di eventi e iniziative, fra cui spiccano il “Concert 4 Tesero” con quattro solisti d’eccezione, il “Jon Lord – Concerto for group and orchestra” della Filarmonica Mousiké di Gazzaniga (BG), il 75° Concertone delle Bande di Fiemme, la mostra “Véder sentìr sonàr la Banda!”, la 24^ Alpenfest Pampeago, la Cerimonia e il Gran Concerto del 200° diretto dall’illustre M° Franco Cesarini.
Nell’aprile 2019, a coronamento di un importante e intenso percorso di studio e crescita musicale, la Banda di Tesero (alla sua prima partecipazione in gara ad un concorso dopo ben novant’anni) si è classificata al 3° posto in Prima Categoria al 21° Concorso Bandistico Internazionale “Flicorno d’Oro” di Riva del Garda (TN), con il ragguardevole punteggio di 91,33.
Altri momenti importanti del 2019 sono stati poi, nel mese di luglio l’accoglienza alla Banda “Stanislao Silesu” di Samassi (Sardegna) (in occasione del 34° anniversario della catastrofe di Stava e nell’ambito del gemellaggio fra i Comuni di Tesero e Samassi) e, in ottobre, la collaborazione alla Masterclass per direttori di orchestra di fiati con la M^ Isabelle Ruf-Weber, organizzata a Tesero da ISEB (Istituto Superiore Europeo Bandistico) e Rovereto Wind Orchestra.

BandaTesero - Riva del Garda 13.04.2019

Gallery ATTUALE
Gallery storica

Bibliografia AA.VV., Giordani Italo (a cura di), Banda Sociale “Erminio Deflorian” Tesero, 175°, Manfrini R. Arti Grafiche Vallagarina, Calliano (TN), 1992 AA.VV., Banda Sociale E. Deflorian – Tesero, nel 150° anniversario della fondazione, ciclostilato, 1967

Tesero paese della musica Progetto archivio storico Sostieni la nostra attività
Cookies Privacy
Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato sui concerti e sugli eventi

Banda Sociale “Erminio Deflorian” di Tesero Associazione di Promozione Sociale - iscritta nel Registro delle APS della Provincia Autonoma di Trento con il n. 517, sezione unica.

Via Fia, n. 2 - c/o Casa della Cultura e dello Sport - 38038 - Tesero (Tn) C.F. 82003110226 - P.Iva 01864080229

Telefono: 346.8689003 - 347.1085722
presidente.bandatesero@gmail.com
segretario.bandatesero@gmail.com

Foto: Archivio Storico Banda Sociale Tesero, Archivio Fotografico Cassa Rurale di Fiemme, sede di Tesero, Federico Modica, Daniele Rodorigo, Massimo Vaia, Cristina Vinante
credits: areagrafica.tn.it